Numero di colore RYBN Lovibond®

Contrassegna come Preferito

(AOCS Cc 13e, AOCS Cc 13j, ISO 15305, MS 252: Parte 16, IP17 Metodo A)

Range: 0 - 70 Rosso, 0-70 Giallo, 0 - 40 Blu, 0-3,9 Neutro

Profondità dello strato: 1 - 153 mm (1/16" - 6") [Aggiornamento incl. 5¼"]

Nel 1890, Joseph Lovibond, fondatore di The Tintometer Ltd, sviluppò l'originale scala Lovibond® basata su una serie di vetri rossi, gialli, blu e neutri.

Dopo oltre un secolo, The Tintometer Ltd produce ancora oggi i filtri in vetro per la misurazione visiva del colore nelle unità Lovibond®. Questa esperienza e questo know-how senza eguali sono racchiusi nei dispositivi Lovibond® PFX e PFXi 880, 950 e 995.

La scala designata da altri come la “scala Lovibond®” non garantisce valori di misura del colore Lovibond® verificati e potrebbe non corrispondere ai dispositivi visivi per il numero di colore Lovibond®.

Al contrario, The Tintometer Ltd può fornire rapporti di prova sulla relazione tra i valori Lovibond® ottenuti sulle sue apparecchiature automatiche e sulle apparecchiature visive Lovibond®®.

Inoltre, solo i nostri strumenti sono dotati di lunghe camere di misura in cui possono essere inserite cuvette con profondità di strato fino a 6 pollici, consentendo allo strumento di determinare direttamente i valori di misura del colore Lovibond®, senza errori di moltiplicazione, con cuvette da 5-¼ di pollice.

La scala Lovibond® si basa su 84 standard cromatici calibrati in vetro con diverse densità ottiche dei colori magenta (rosso), giallo, blu e neutro, classificati da desaturati a completamente saturi. I tre colori primari e i filtri neutri vengono combinati fra loro fino a quando non corrispondono al colore del campione; il risultato è un insieme di vetri Lovibond® RYBN (unità RYBN) che definiscono il colore.

Poiché sono possibili diverse milioni di combinazioni, è così possibile determinare il colore di quasi tutti i campioni; i campi d’impiego sono principalmente la misurazione del colore di oli e grassi, prodotti chimici, prodotti farmaceutici e sciroppi.

Filtri neutri

Se un dipendente modifica la procedura o una convenzione per qualsiasi motivo, è importante che lo indichi al momento della registrazione dei risultati, altrimenti può creare confusione.

Ad esempio gli osservatori utilizzano filtri neutri per opacizzare un campione brillante, ma dimenticano di specificarlo. In altri casi cercano di trovare il colore più adatto senza indicare valori neutri, anche se necessari, oppure usano colori diversi solo in combinazione in un rapporto fisso secondo una convenzione arbitraria.

Nomenclatura dei colori

Per evitare problemi linguistici, la scala Lovibond® offre un proprio linguaggio cromatico semplice, che permette di descrivere l'aspetto di ogni colore nel minor numero possibile di parole e numeri. Per semplificare le registrazioni di laboratorio o quando si trasferiscono le letture tra laboratori, molte settori acquisiscono i risultati in base a tre colori e specificano i valori degli strumenti per il rosso, il giallo e il blu.

Alcuni settori trovano più conveniente semplificare questi termini e utilizzare le sei aree dello spettro luminoso.

Rosso-
Arancio - combinazione di rosso e giallo.
Giallo-
Verde - combinazione di giallo e blu.
Blu-
Viola - combinazione di rosso e blu.

Questi sei termini sono utilizzati in combinazione con"brillante" e "opaco".

Un campione viene descritto come brillante se il successivo possibile colore corrispondente appare opaco nel confronto. Quando ciò accade, i valori neutri vengono introdotti e annotati come brillantezza del campione.

Un campione è descritto come opaco se per la regolazione sono necessari il rosso, il giallo e il blu. Il valore del colore più debole è espresso come opacità.

Applicazioni

  • Alimenti e bevande
  • Oli e grassi alimentari
  • Oli minerali e cere
  • Prodotti per uso domestico
  • Sostanze chimiche
Product finder
Applicable Standard AOCS Cc 13e-92
AOCS Cc 13j-97
BS684
ISO 15305